Devil’s Tower: una meraviglia geologica nel cuore del Wyoming

Devil’s Tower, o Torre del Diavolo, non è solo un punto di riferimento geologico impressionante nel paesaggio del Wyoming, ma è anche un luogo importante per le ricche leggende e la storia. Questo monolito vulcanico, noto ai nativi americani come Bear Lodge, offre non solo una sfida per gli arrampicatori ma anche un’esperienza educativa e spirituale per i viaggiatori.

Devil's Tower Wyoming

Esplorare Devil’s Tower
La peculiarità di Devil’s Tower risiede nelle sue colonne esagonali, un fenomeno naturale raro che incanta chiunque lo osservi. La formazione si è creata da un’intrusione di magma raffreddato e successivamente esposto dall’erosione. Per i visitatori meno avventurosi, il Tower Trail offre un percorso accessibile che circonda la base del monolito e permette di apprezzare da vicino la sua maestosa struttura.

Devil's Tower

Il fascino delle leggende
Devil’s Tower occupa un posto speciale nelle tradizioni orali di diverse tribù nativo americane. Le leggende più diffuse narrano di un grande orso che, cercando di raggiungere alcune ragazze rifugiatesi in cima alla roccia, ha lasciato le profonde striature verticali che caratterizzano il monolito. Queste storie non solo arricchiscono la visita con un contesto culturale, ma sottolineano anche il profondo rispetto che i nativi americani hanno per questo luogo sacro.

Devil's Tower

Attività per tutta la famiglia
Oltre alla possibilità di arrampicarsi (con permessi specifici durante determinati periodi dell’anno per preservare la sacralità del sito), il parco offre ampie opportunità di apprendimento attraverso programmi interpretativi gestiti dai ranger. Questi programmi sono ideali per le famiglie e offrono passeggiate guidate per conoscere sia la geologia che le storie culturali del sito. Per i piccoli esploratori c’è un programma speciale: il Junior Ranger Program, un modo divertente e istruttivo per imparare in maniera divertente la storia e la geologia.

Devil's Tower

Incontri ravvicinati del terzo tipo
Devil’s Tower non è solo noto per la sua imponente bellezza naturale e le sue ricche tradizioni indigene, ma anche per il suo ruolo iconico nel cinema. Questo monolito è diventato famoso a livello mondiale grazie al suo ruolo chiave nel film di Steven Spielberg del 1977, “Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo“. Nel film, la torre serve come punto di incontro per gli umani e gli extraterrestri, diventando così un simbolo di comunicazione interstellare e di mistero. Questa associazione ha notevolmente aumentato la popolarità di Devil’s Tower tra i fan della fantascienza e gli appassionati di UFO, molti dei quali visitano il sito proprio per sentirsi parte di quella storia cinematografica. Anche oggi, i visitatori del parco possono percepire un senso di meraviglia e mistero, alimentato non solo dalle leggende naturali e culturali che circondano il luogo, ma anche dall’eco di quelle scene memorabili del film che hanno catturato l’immaginazione di milioni di persone.

Arrivare a Devil’s Tower
Per raggiungere Devil’s Tower, situato nel nordest del Wyoming, vi sono diverse opzioni, a seconda del punto di partenza. La torre si trova a circa 150 km da Rapid City, South Dakota, che ospita l’aeroporto più vicino con servizi commerciali, l’Rapid City Regional Airport. Da qui, potete noleggiare un’auto e guidare verso ovest attraverso la pittoresca U.S. Highway 14. Questo tragitto vi offre l’opportunità di ammirare il variegato paesaggio delle Black Hills.
Se provenite dal nord, ad esempio da Billings, Montana, potete prendere l’Interstate 90 verso sud fino a Sundance, poi svoltare verso est sulla U.S. Highway 14 per raggiungere il parco. Questa rotta è particolarmente panoramica, con viste mozzafiato sulle montagne e abbondante fauna selvatica.

Per coloro che arrivano da Denver, Colorado, il viaggio è più lungo ma altrettanto affascinante. Si guida verso nord per circa 6 ore lungo l’Interstate 25 fino a Casper, Wyoming, poi si continua verso nord-est sull’Highway 25 e l’Highway 90, vi porterà direttamente a Devil’s Tower.
Una volta in zona, seguite le indicazioni per il parco nazionale, che è ben segnalato. Il centro visitatori di Devil’s Tower offre mappe e ulteriori informazioni per aiutarvi a orientarvi una volta arrivati. Il parco dispone di un ampio parcheggio, ma nei mesi estivi e durante le festività può essere più affollato; quindi, è consigliabile arrivare presto per evitare la folla.
Devil’s Tower è aperto tutto l’anno, ma le condizioni meteorologiche possono variare notevolmente a seconda della stagione; quindi, è importante controllare il tempo previsto e i possibili avvisi del parco prima di partire.


Devil’s Tower non è solo una destinazione straordinaria per gli amanti dell’avventura e della natura, ma è anche un luogo che offre profonde riflessioni culturali e storiche. Una visita in questo luogo può trasformarsi in un’esperienza formativa e indimenticabile per visitatori di tutte le età. Scopri i nostri programmi fly & drive!

Saint Louis, Missouri: un tesoro nascosto per Esploratori Urbani

Saint Louis Missouri

Benvenuti a Saint Louis, Missouri, una perla nascosta lungo le maestose rive del Mississippi. Questa città storica, un tempo cuore pulsante del commercio e della navigazione fluviale, oggi è un affascinante crogiolo di cultura, storia e innovazione. Mentre passeggiate tra le sue strade, sarete avvolti da un’atmosfera che fonde sapientemente il fascino del vecchio mondo con lo spirito vivace della modernità. Dalle maestose architetture che raccontano storie del passato industriale e culturale, alle sorprendenti innovazioni urbane che si aprono verso il futuro, Saint Louis offre un viaggio indimenticabile attraverso i secoli.

Old Courthouse Saint Louis

Saint Louis è una tappa consigliata per chi decide di intraprendere un viaggio on the road tra Chicago e Los Angeles sulla mitica Route 66 o tra Chicago e New Orleans sulla strada della musica.

Unitevi a noi e scopriamo insieme i tesori nascosti e le esperienze emozionanti che questa città unica ha da offrire.

COSA VEDERE A SAINT LOUIS

Gateway Arch

Gateway Arch

Il Gateway Arch, simbolo di Saint Louis, Missouri, è stato progettato dall’architetto Eero Saarinen, la costruzione è iniziata il 12 febbraio del 1963 ed è stata completata nel 1965. Questo arco monumentale, alto 192 metri, rappresenta la “porta verso l’ovest” e simbolizza la storia dell’espansione americana. La costruzione dell’architettura in acciaio inossidabile è stata una prodezza tecnologica, richiedendo metodi innovativi per curvare e montare le sue sezioni. Oltre a essere una meraviglia architettonica, il Gateway Arch funge da museo e punto di osservazione e offre una vista panoramica sul Mississippi e sulla città di Saint Louis.

Un’esperienza unica e memorabile è prendere l’ascensore panoramico che porta sulla sommità dell’arco. Gli ascensori, progettati appositamente per l’Arch, sono piccole capsule per 4 o 5 persone che portano i visitatori in cima in circa quattro minuti. Durante la salita, i passeggeri possono sentire leggere oscillazioni dovute alla struttura unica dell’ascensore e all’altezza dell’arco. Una volta raggiunta la cima, si ha l’opportunità di godere di una vista panoramica spettacolare sulla città di Saint Louis e sul fiume Mississippi.

Siant Louis Missouri

Questa struttura architettonica affascinante è aperta quasi tutto l’anno, con orari che possono variare stagionalmente. Per un’avventura completa si possono acquistare i biglietti che includono l’accesso all’ascensore e ad altre attrazioni del sito. I prezzi variano a seconda dell’età e spesso sono disponibili offerte speciali. Si consiglia di verificare gli orari di apertura e i costi sul sito ufficiale prima della visita, per pianificare al meglio l’esperienza al Gateway Arch.

National blues Museum

Blues Museum

National blues Museum: Saint Louis, Missouri, è nota per la sua ricca eredità musicale e ospita alcuni musei dedicati alla musica. Il National Blues Museum, situato al 615 Washington Ave. è un’istituzione dedicata alla celebrazione e alla conservazione della storia e dell’eredità del blues.

Il museo offre una serie di attività pratiche, tra cui la possibilità di imparare a suonare strumenti musicali semplici e di comporre una canzone blues. Ciò permette ai visitatori di avere un’esperienza immersiva e interattiva con la musica blues.

Le mostre del museo esplorano le origini e l’evoluzione del blues e spiegano come questo genere abbia influenzato la musica popolare e la cultura americana in generale.

Il National Blues Museum è aperto tutti i giorni, dalle 10:00 alle 16:00. Questi orari possono variare, quindi è sempre una buona idea controllare il sito ufficiale.
I prezzi dei biglietti variano in base a diverse categorie, come età e status di studente o militare.

Cattedrale Basilica di San Luigi

Cattedrale di San Luigi

La Cattedrale Basilica di San Luigi, conosciuta anche come Cattedrale di Saint Louis, è un luogo di straordinaria bellezza e importanza storica a Saint Louis, Missouri. È famosa per essere una delle più grandi collezioni di mosaici del mondo.

La cattedrale, costruita in stile neobizantino, è un magnifico esempio di architettura religiosa. L’esterno è imponente, ma è l’interno a lasciare davvero senza fiato, con i suoi mosaici dettagliati che coprono quasi ogni superficie. Iniziati nel 1912 e completati solo nel 1988, questi mosaici coprono 83.000 piedi quadrati con oltre 41 milioni di pezzi di vetro, rappresentando scene bibliche e storie dei santi, creando un effetto visivo sbalorditivo.

Mosaici della cattedrale di Saint Louis

La cattedrale non è solo un luogo di culto, ma anche un importante simbolo culturale. È stata designata basilica minore dal Papa Giovanni Paolo II durante la sua visita nel 1997.

Le visite sono aperte ai visitatori con o senza tour gratuiti. Questi tour sono un’ottima opportunità per apprezzare pienamente la bellezza e la maestosità dell’arte dei mosaici, oltre a imparare di più sulla storia e sul significato religioso del luogo.

Missouri Botanical Garden

Missouri Botanical Garden: questo è uno dei giardini botanici più antichi e rinomati negli Stati Uniti. Fondato nel 1859 dal botanico e filantropo Henry Shaw, il giardino si estende su 79 acri di terreno e offre una vasta collezione di piante, fiori e alberi esotici, nonché numerosi esempi di architettura storica e moderna.

Il Missouri Botanical Garden è anche un centro di ricerca botanica e conservazione, con scienziati che lavorano per la conservazione delle piante e la sostenibilità ambientale. Il giardino svolge un ruolo importante nella ricerca sulle piante, nell’educazione ambientale e nella conservazione delle specie in via di estinzione.

Al suo interno sono presenti diverse aree:

  • Climatron: Una serra geodetica che ospita una foresta pluviale lussureggiante, con piante rare e esotiche da tutto il mondo.
  • Japanese Garden: Uno dei giardini giapponesi più grandi del Nord America, noto per la sua tranquillità e bellezza, con laghetti, cascate e ponti tradizionali.
  • Victorian District: Un’area che riproduce i giardini del periodo vittoriano, con un’accentuazione sulle piante ornamentali dell’epoca.
  • Children’s Garden: Un giardino didattico progettato per i bambini, con attività interattive e zone di apprendimento sul mondo delle piante.

Il giardino si trova al 4344 Shaw Blvd, a circa 8 chilometri dal Gateway Arch, raggiungibile in auto o taxi o con mezzi pubblici.

Grand Center Arts District

Il Grand Center Arts District è un vivace quartiere culturale e artistico nel cuore di Saint Louis, Missouri. È famoso per essere un hub per le arti, la musica, il teatro e l’educazione, e offre una varietà di esperienze culturali.

Tra le attrazioni principali si trovano teatri e sale da Concerto com il Fabulous Fox Theatre, il Powell Symphony Hall (casa della St. Louis Symphony Orchestra), e il Grandel Theatre.
Sono inoltre numerose le gallerie d’arte e gli spazi espositivi, come la Contemporary Art Museum St. Louis e il Pulitzer Arts Foundation ed offrono mostre di arte contemporanea e storica.

Il Grand Center Arts District è noto per i suoi eventi e festival tutto l’anno, come il First Fridays nell’Arts District, dove gallerie e musei aprono le loro porte al pubblico con eventi speciali.

Il distretto offre anche una varietà di opzioni culinarie, dai ristoranti raffinati ai caffè casual nonché una gioiosa vita notturna con jazz dal vivo, spettacoli teatrali e altri eventi culturali.
In questa area della città edifici storici convivono con strutture moderne.

Forest Park di Saint Louis

Forest park saint Louis

Il Forest Park di Saint Louis è un vero gioiello per le famiglie! È uno dei parchi urbani più grandi degli Stati Uniti, superando persino Central Park a New York per dimensioni. Questo parco è un posto fantastico per una gita in famiglia perché offre una varietà incredibile di attività e attrazioni, molte delle quali sono gratuite.

Alcune delle attrazioni principali includono:

  • Il Saint Louis Zoo: uno zoo di fama mondiale, perfetto per una giornata all’insegna della scoperta degli animali. È noto per la sua varietà di specie e per le aree tematiche dedicate.
  • Il Saint Louis Art Museum: un museo d’arte che offre collezioni che spaziano dall’antichità ai giorni nostri. Spesso ci sono mostre speciali e programmi per bambini.
  • Il Missouri History Museum: dove si può imparare molto sulla storia del Missouri e di Saint Louis. È un ottimo posto per insegnare ai bambini la storia locale in modo divertente e interattivo.
Missouri Hisrtory Museum
  • Il Saint Louis Science Center: un centro scientifico interattivo, ideale per i bambini curiosi e per gli appassionati di scienza di tutte le età.
  • Il Jewel Box: una serra storica con piante esotiche e fioriture stagionali, perfetta per una passeggiata rilassante.

Oltre a queste attrazioni, Forest Park offre ampi spazi verdi, laghi dove fare picnic, percorsi per fare jogging o andare in bicicletta, e durante l’estate, spesso ospita concerti ed eventi all’aperto. È il posto ideale per trascorrere una giornata all’aria aperta con la famiglia, godendo di natura, cultura e divertimento.

DOVE MANGIARE:

Saint Louis è famosa per la sua varietà di eccellenti ristoranti, che offrono una gamma di esperienze culinarie.

  • Se volete provare i sapori locali. non perdete:
  • Schlafly Tap Room: Perfetto per gustare piatti americani e birre artigianali.
  • Pappy’s Smokehouse: Ideale per gli amanti del barbecue americano.
  • Broadway Oyster Bar: Un locale che propone piatti americani, cajun e creole, oltre a frutti di mare.

DEVE SOGGIORNARE:

Tra i migliori hotel di Saint Louis per posizione, servizi e prezzo, tre strutture spiccano per le loro caratteristiche uniche:

Four Seasons Hotel St. Louis: Questo hotel di lusso offre una vista mozzafiato sull’Arco e su Downtown. Dispone di un centro benessere di livello mondiale, un casinò in loco, una grande piscina all’aperto e una vasca idromassaggio su una terrazza panoramica. Il ristorante dell’hotel è gestito da un chef vincitore del James Beard Award e garantisce quindi un’esperienza culinaria di prima classe​​.

Moonrise Hotel: Situato sulla famosa Delmar Blvd, il Moonrise Hotel è ideale per chi è in città per concerti o per visitare l’Università di Washington. L’hotel ha un tema lunare giocoso con un’atmosfera retro-chic e offre servizi di lusso. Il lounge e il bar sul tetto offrono una vista mozzafiato e sono popolari tra gli ospiti e la gente del posto​​.

Drury Inn & Suites St. Louis Forest Park: Questo hotel si trova in una posizione comoda, vicino a Forest Park e alle sue attrazioni. Offre una colazione gratuita molto apprezzata dalle famiglie, così come un “Kickback” serale con snack gratuiti. Le camere sono pulite e confortevoli, e l’hotel dispone anche di una piscina, che è sempre un vantaggio per i bambini.

Pontiac, Illinois: Un Viaggio nel Tempo fra Murales, Auto Storiche e Musei sulla Route 66

Pontiac Illinois

Benvenuti a Pontiac, Illinois, una tappa imperdibile per gli amanti della Route 66! Questa piccola cittadina, situata nel cuore dell’Illinois, è un vero e proprio museo a cielo aperto che celebra la storia americana e il fascino della “Mother Road“.

Pontiac si trova a circa 100 miglia (160 km) a sud-ovest di Chicago, pertanto è accessibile sia per una gita di un giorno da Chicago sia per chi viaggia lungo la Route 66 tra Chicago e Saint Louis.

Andiamo insieme alla scoperta di Pontiac e dei suoi luoghi più importanti.

I Murales di Pontiac

Pontiac Illinois Route 66

I murales di Pontiac sono una vera e propria galleria d’arte a cielo aperto, che cattura la storia e lo spirito della città e della Route 66. Ogni murale ha una storia unica da raccontare e contribuisce a creare un’atmosfera unica in città.

La maggior parte dei murales si trova nel centro storico di Pontiac. Passeggiando si possono seguire i percorsi disegnati sul marciapiede e trovare i luoghi dove si trovano i dipinti sui muri.

I murales raffigurano vari aspetti della vita a Pontiac, dall’importanza storica della Route 66, alla cultura locale, a momenti significativi nella storia della città.
Uno dei più famosi è certamente Il Murale della Route 66, situato in una posizione prominente e dedicato alla celebre “Mother Road”. Rappresenta un punto focale per i visitatori e un’icona fotografica della città.

Pontian Illinois Murales

I murales sono stati realizzati con diversi stili artistici e riflettono la varietà degli artisti che hanno contribuito al progetto. Alcuni narrano storie locali e momenti storici o personaggi importanti legati a Pontiac.
Altri includono elementi interattivi, come codici QR che, una volta scansionati, forniscono informazioni aggiuntive sul murale e sulla sua storia.

Il Livingstone County Courthouse ospita un murale che cattura la bellezza architettonica dello storico edificio.
Nella città si trova anche un murale omaggio a Bob Waldmire: questo iconico artista della Route 66 è conosciuto per i suoi disegni dettagliati e la sua vita da nomade lungo la strada.

Sono disponibili tour guidati che portano i visitatori attraverso i murales.
Per prenotare un tour guidato dei murales di Pontiac, basta visitare il sito ufficiale della città di Pontiac. Hanno una sezione dedicata alle arti, inclusi i “Murals on Main Street“, che offre informazioni su tour a piedi e altre attività artistiche nella città.

Musei e Cultura

Pontiac Hall of fame Museum

L’Illinois Route 66 Hall of Fame and Museum di Pontiac è un luogo dedicato alla celebrazione della famosa Route 66. Il museo espone una vasta collezione di oggetti e cimeli storici legati alla leggendaria strada e regala ai visitatori un viaggio nel tempo attraverso la storia della “Mother Road“. Tra gli esempi più notevoli ci sono fotografie d’epoca, insegne storiche e memorabilia che raccontano la storia culturale e sociale della Route 66. Il museo è anche noto per la sua Hall of Fame, che onora le persone e i luoghi che hanno contribuito a rendere la Route 66 un’icona americana. Questo luogo offre un’esperienza immersiva per chiunque sia interessato alla storia della strada più famosa d’America.

Livingston County War Museum: Situato al piano superiore del museo della Route 66, questo museo è dedicato alle guerre del 20° secolo. Offre una prospettiva unica sulla guerra, con personale composto da veterani pronti a condividere le loro esperienze e storie.

Museum of the Gilding Arts: Focalizzato sull’arte e la storia della doratura, questo museo presenta esempi di arte antica e offre un’occasione per imparare sulla doratura e i suoi usi nell’architettura e nella decorazione​​.

Dove mangiare a Pontiac:

Joe’s Station House Pizza Pub: Conosciuto per le sue pizze croccanti e gustose, è un punto di riferimento per la cucina americana classica.

The Spice House: Per chi ama la cucina indiana, questo ristorante offre un’ampia gamma di piatti speziati, inclusi curry e biryani.

Pontiac Family Kitchen: Ideale per chi cerca un ambiente casual, offre un’ampia selezione di birre, cocktail e piatti classici da bar​​.

Curiosità

La città è decorata con 15 miniature di auto artistiche. Queste piccole auto sono state create da artisti locali e aggiungono un tocco di creatività e colore alle strade di Pontiac. Ognuna di queste opere è unica, e segue lo stile e l’immaginazione dell’artista che l’ha creata. Si trovano nei vari angoli della città e catturano l’attenzione dei passanti che non perdono l’occasione di scattare fotografie. Queste miniature sono un omaggio all’importanza storica delle automobili lungo la Route 66 e alla cultura automobilistica in generale

Boston, il Freedom Trail: un Viaggio nella Storia Americana

Freedom Trail

Cari lettori di LasciatiViaggiare, unitevi a me in un’avventura storica lungo il famoso Freedom Trail di Boston.

Il Freedom Trail di Boston è un percorso iconico che conduce attraverso 16 siti storici cruciali, grazie al quale si attraversa la storia della Rivoluzione Americana. Dal verde e storico Boston Common, passando per il suggestivo Massachusetts State House fino ad arrivare all’imponente USS Constitution, ogni tappa del sentiero è un capitolo vivente della storia americana. Con cimiteri antichi, chiese storiche e siti rivoluzionari, il Freedom Trail è un viaggio affascinante nel cuore della nascita degli Stati Uniti.
Scopriamo insieme ogni angolo di questo sentiero storico!

1. Boston Common:

Boston Common

Iniziamo il Freedom Trail dal Boston Common, il parco pubblico più antico d’America, fondato nel 1634. Questo spazio verde, situato nel cuore di Boston, è stato testimone di numerosi eventi storici, dalla Guerra d’Indipendenza Americana fino ai giorni nostri. È noto per essere stato un campo di battaglia, un pascolo per il bestiame, e persino un luogo per esecuzioni pubbliche. Oggi, il Boston Common è un luogo vivace e amato, frequentato sia dai residenti che dai turisti, offrendo un’oasi di tranquillità e bellezza nel mezzo della città.

2. Massachusetts State House:

Massachusetts State House

Da qui, ci dirigiamo verso il Massachusetts State House, situata a Beacon Hill. Questo è l’edificio del governo dello stato del Massachusetts. Costruita nel 1798, è famosa per la sua imponente cupola dorata, originariamente realizzata in legno ma poi rivestita in rame da Paul Revere. L’edificio è un magnifico esempio di architettura federale e ha subito diverse espansioni nel corso degli anni. All’interno, ospita le camere del Senato e della Camera dei Rappresentanti del Massachusetts, oltre a uffici amministrativi. La State House è un simbolo di Boston e una tappa importante nel percorso storico del Freedom Trail.

3. Park Street Church e Granary Burying Ground:

Prossime tappe del freedom trail: Park Street Church e Granary Burying Ground.

La Park Street Church, situata all’angolo di Park Street e Tremont Street a Boston, è un sito storico fondamentale. Costruita nel 1809, questa chiesa è un eccellente esempio di architettura neoclassica. È stata un importante luogo per discorsi e incontri che hanno avuto un ruolo significativo nella storia degli Stati Uniti, inclusa l’abolizione della schiavitù e la riforma sociale. La chiesa è famosa anche per il debutto della canzone “My Country, ‘Tis of Thee” nel 1831. Oggi, continua a essere un luogo di culto e un punto di interesse storico lungo il Freedom Trail.

 Il Granary Burying Ground a Boston è uno dei cimiteri più storici degli Stati Uniti, fondato nel 1660. È noto per essere il luogo di sepoltura di molte figure storiche importanti della Rivoluzione Americana, tra cui Samuel Adams, John Hancock, e Paul Revere. Situato vicino a Park Street Church, il cimitero prende il nome da un granaio pubblico che una volta sorgeva sul sito. Con oltre 5.000 sepolture in un’area relativamente piccola, è un luogo ricco di storia e un punto di interesse fondamentale lungo il Freedom Trail di Boston.

4. King’s Chapel e Burying Ground:

king's chapel

Continuando, incontreremo la King’s Chapel e il suo cimitero, siti storici di grande rilevanza a Boston. La cappella, originariamente anglicana, fu fondata nel 1686, per questo è una delle più antiche chiese degli Stati Uniti. L’edificio attuale, in stile georgiano, fu completato nel 1754. Il King’s Chapel Burying Ground, anch’esso fondato nel 1630, è il più antico cimitero di Boston e vi riposano diverse figure storiche significative. Tra queste, si trovano John Winthrop, il primo governatore del Massachusetts, Mary Chilton, che si dice sia stata la prima passeggera a scendere dal Mayflower, e William Dawes, un patriota famoso per la sua cavalcata di avvertimento, simile a quella di Paul Revere, durante la Rivoluzione Americana. Questi siti combinano storia, architettura e religione, offrendo un interessante spaccato della Boston coloniale.

5. Old South Meeting House:

Old South Meeting House

La Old South Meeting House di Boston, costruita nel 1729, è uno dei principali siti storici della città. Nota per il suo ruolo nella Rivoluzione Americana. La chiesa, che poteva ospitare migliaia di persone, fu il teatro di importanti incontri politici e dibattiti. Uno degli eventi più noti è il raduno che precedette il Boston Tea Party nel 1773, durante il quale i coloni protestarono contro le tasse imposte dalla Gran Bretagna, in particolare la tassa sul tè. Questi raduni furono fondamentali per unire la comunità coloniale nella lotta per l’indipendenza.

Questo edificio in stile georgiano serviva inizialmente come chiesa puritana e successivamente come sala riunioni. Oggi, è un museo e un monumento nazionale, simbolo della lotta per la libertà e la democrazia. La sua storia riflette il fervore rivoluzionario e l’importanza della libertà di parola.

6. Old State House e Boston Massacre Site:

Old State House

Il cuore pulsante del Freedom Trail è l’Old State House. Costruita nel 1713, è uno degli edifici più antichi e storici della città. Era il centro della politica e del governo coloniale prima della Rivoluzione Americana. Il balcone della Old State House fu il luogo dove fu letta per la prima volta la Dichiarazione di Indipendenza ai cittadini di Boston nel 1776. L’edificio è noto anche per essere il luogo del Massacro di Boston del 1770, un evento cruciale che ha contribuito a scatenare sentimenti rivoluzionari tra i coloni. Oggi, la Old State House ospita un museo che presenta esibizioni sulla storia della città.

7. Faneuil Hall:

Faneuil Hall, soprannominato “la Culla della Libertà“, è un edificio storico situato nel centro di Boston. Costruito nel 1742 e ampliato nel 1806, è stato un luogo chiave per incontri politici durante la Rivoluzione Americana, dove patriotti come Samuel Adams tenevano discorsi incendiari contro il governo britannico. Oltre al suo ruolo storico, Faneuil Hall è anche un vivace mercato e un centro culturale che ospita negozi, ristoranti e bancarelle. È uno dei siti più visitati di Boston e una tappa fondamentale nel Freedom Trail.

Il Quincy Market

Quincy Market

Dopo una lunga passeggiata nella storia sul Freedom Trail non c’è nulla di meglio che assaporare la cucina locale presso uno dei mercati coperti più caratteristici della città il Quincy Market: il mercato fa parte del Faneuil Hall Marketplace a Boston ed è un vivace centro commerciale e gastronomico. Qui si trovano numerosi banchi che offrono una varietà di prelibatezze gastronomiche quali specialità locali come frutti di mare, Lobster Roll, clam chowder e cucina internazionale. Oltre al cibo, il Quincy Market ospita anche negozi di abbigliamento, souvenir e artigianato. L’atmosfera è sempre animata, spesso arricchita da artisti di strada e musicisti. È un luogo perfetto per sperimentare la diversità culturale e culinaria di Boston e vivere un attimo da vero bostoniano.

8. Paul Revere House:

Paul Rever House

Continuiamo il nostro percorso sul Freedom Trail in direzione della Paul Revere House, la casa del famoso patriota, che si trova nel North End di Boston. Costruita intorno al 1680, è una delle più antiche abitazioni della città. Revere la acquistò nel 1770 e vi visse durante il suo storico “Midnight Ride” nel 1775. La casa è stata restaurata per riflettere il suo aspetto originale del XVII secolo e oggi è un museo aperto al pubblico che offre un’immersione nell’epoca coloniale e nella vita di uno dei suoi più noti abitanti.

9. Old North Church:

Old North Church

Proseguendo incontreremo la Old North Church, ufficialmente nota come Christ Church, nota per il suo ruolo nella Rivoluzione Americana. Situata nel quartiere North End di Boston, è la più antica chiesa in piedi della città, costruita nel 1723. La sua importanza storica risiede nell’aprile del 1775, quando due lanterne furono appese nella torre della chiesa per segnalare ai patrioti americani il movimento delle truppe britanniche, dando inizio alla famosa “Midnight Ride” di Paul Revere. Questo evento è immortalato nella frase “One if by land, and two if by sea“. La chiesa è un simbolo della lotta per l’indipendenza americana e una tappa essenziale nel Freedom Trail.

10. Copp’s Hill Burying Ground:

Camminando ancora un po’ oltre arriveremo al Copp’s Hill Burying Ground, uno dei cimiteri più antichi di Boston, che risale al 1659. Qui sono sepolti molti cittadini notevoli, tra cui artigiani, commercianti e ministri, che hanno contribuito allo sviluppo di Boston. La sua posizione su una collina offre viste panoramiche sul quartiere di Charlestown e sul fiume Charles, ideali per scattare foto interessanti. La zona è molto tranquilla e ha un’atmosfera pacifica e rilassante, in netto contrasto con il trambusto del centro città.

11. USS Constitution e Charlestown Navy Yard:

USS Constitution

Infine, arriviamo all‘USS Constitution, conosciuta anche come “Old Ironsides“, una delle prime sei fregate commissionate dalla Marina degli Stati Uniti nel 1794. Famosa per il suo ruolo nella Guerra del 1812 contro la Gran Bretagna, è celebre per la sua robustezza, tanto da sembrare impenetrabile ai colpi nemici. Ancorata al Charlestown Navy Yard a Boston, è la nave da guerra più antica al mondo ancora a galla. Ospita un museo e offre tour guidati. Questo luogo conclude magnificamente il nostro viaggio nel tempo della città di Boston.

Camminare lungo il Freedom Trail non è solo un’esplorazione fisica, ma un viaggio nell’anima della rivoluzione americana. Ogni passo ci avvicina alla comprensione delle lotte e dei trionfi che hanno plasmato gli Stati Uniti.

Mi raccomando non dimenticate di indossare scarpe molto comode, il percorso è molto piacevole e si arriva al termine stanchi ma soddisfatti!

Spero che questo itinerario vi abbia ispirato a esplorare Boston e a immergervi nella sua ricca storia.

Vorresti partecipare ad uno dei nostri tour accompagnati? Chiedici informazioni per le prossime date!

Salt Lake City: guida completa su cosa vedere nella città tra le montagne

Sal Lake City cosa vedere

Salt Lake City: cosa vedere

Ciao viaggiatori! Oggi scopriremo insieme Salt Lake City, un gioiello nascosto, perfetto per una sosta o come punto di partenza o arrivo in un viaggio on the road negli Stati Uniti. Situata nello Utah, questa città offre una combinazione unica di storia, cultura, natura e divertimento.

Salt Lake City temple Square

Scopriamo insieme cosa vedere a Salt Lake City.

1. Temple Square: Il Cuore Spirituale

Temple Square Salt Lake City

Tra le cose da vedere a Salt Lake City c’è sicuramente Temple Square, il cuore spirituale e storico della città.

Quest’area, aperta a tutti indipendentemente dalla fede, è famosa per la sua architettura grandiosa e i giardini meticolosamente curati. Il Tempio di Salt Lake, non visitabile dall’interno ma ammirevole per le sue sei guglie imponenti, è un simbolo iconico della città. Imperdibile è anche il Tabernacle, sede del celebre coro Mormone.

Per vivere al meglio questa esperienza, vi consiglio di approfittare delle visite guidate gratuite condotte da volontari esperti, pronti a condividere la storia e i significati di questo luogo unico. Le visite partono ogni 10-15 minuti e non è necessaria la prenotazione. I punti di partenza delle visite sono solitamente situati vicino alle principali entrate di Temple Square. Inoltre, per i visitatori italiani, sono disponibili visite guidate in italiano su richiesta. Questo servizio di grande valore vi permetterà di approfondire la conoscenza di questo sito storico e culturale in modo chiaro e piacevole.

2. Il Campidoglio dello Stato dello Utah: Scopri la Storia con le Visite Guidate Gratuite

salt Lake City Capitol

A breve distanza da Temple Square si erge maestoso il Campidoglio dello Stato dello Utah. Questa imponente costruzione in stile neoclassico è molto più che un semplice edificio politico. Con la sua posizione elevata, regala una vista panoramica mozzafiato su Salt Lake City e le montagne che la circondano.

Per esplorare a fondo il Campidoglio e comprenderne la storia e il funzionamento, vi consiglio caldamente di partecipare alle visite guidate gratuite che vengono proposte all’interno, occasione ideale per immergersi nell’architettura e nella storia politica dello Utah. I tour guidati sono disponibili dal lunedì al venerdì, solitamente ogni ora, dalle 9:00 alle 16:00, e durano circa 50 minuti. Non è necessaria la prenotazione per i gruppi inferiori a 10 persone.

I volontari esperti e appassionati vi faranno scoprire i segreti dell’edificio, dalla Rotonda al Senato, e comprendere meglio il processo legislativo dello stato. Per i visitatori non anglofoni, è possibile richiedere in anticipo visite in lingue diverse, tra cui l’italiano. La visita vi darà una prospettiva unica non solo sull’architettura, ma anche sul contesto storico e culturale dello Utah.

3. Great Salt Lake: Un Lago di Sale da Esplorare

Great Sal Lake
Foto di Sara e Daniele nostri viaggiatori

Altra importate tappa da vedere a Salt Lake City è il Great Salt Lake, una delle meraviglie naturali più straordinarie vicino alla città, un’esperienza da non perdere. Conosciuto come il più grande lago salato dell’emisfero occidentale, si estende per oltre 1.700 miglia quadrate. Le sue dimensioni variano a causa dell’evaporazione e dell’apporto idrico ma ciò che lo rende unico è la sua elevata salinità, che può raggiungere il 27%, quasi otto volte quella dell’oceano!

Questa alta concentrazione di sale è dovuta alla natura chiusa del lago, che non avendo sbocchi naturali, raccoglie i minerali portati dai fiumi i quali si accumulano nel corso del tempo. A causa dell’alta salinità, nel lago vive un numero limitato di specie, tra cui l’artemia salina, un piccolo crostaceo che attira migliaia di uccelli migratori ogni anno.

Una delle esperienze più sorprendenti per i visitatori è la possibilità di galleggiare con facilità nelle sue acque, esperienza simile a quella che si può vivere nel Mar Morto.

Per i visitatori interessati, ci sono diverse aree accessibili per provare questa esperienza, come l’Antelope Island State Park e la spiaggia di Bridger Bay. L’ Antelope Island offre anche la possibilità di fare escursioni, osservare la fauna selvatica locale e godere di splendide viste panoramiche sul lago. È importante ricordare di portare con sé acqua dolce per sciacquarsi dopo il bagno, dato che l’alta salinità può lasciare sulla pelle un residuo spiacevole.

4. Museo di Storia Naturale dello Utah: Un’avventura educativa tra Fossili e Scienza

Cosa vedere a Salt Lake city con la famiglia? Il Museo di Storia Naturale dello Utah, un vero paradiso per chi ama le scienze naturali e i dinosauri. Situato nella spettacolare cornice ai piedi delle Wasatch Mountains, questo museo offre un’esperienza educativa coinvolgente e interattiva, ideale per visitatori di tutte le età.

Al suo interno, il museo ospita una delle collezioni più impressionanti di fossili di dinosauri del mondo. Gli appassionati di paleontologia rimarranno affascinati dalla varietà di scheletri e reperti, tra cui enormi crani di Triceratopi e le ossa imponenti di Tyrannosaurus rex. Questi resti fossili offrono uno sguardo unico sulla vita preistorica nello Utah, che era un tempo un habitat ricco e vario per queste maestose creature.

Oltre ai dinosauri, il museo presenta diverse gallerie tematiche che esplorano aspetti vari della storia naturale e umana dello Utah. Potrete scoprire l’evoluzione geologica della regione, con esibizioni dedicate ai minerali, alle formazioni rocciose e ai processi che hanno plasmato il paesaggio dello Utah nel corso di milioni di anni. Un’altra sezione del museo è dedicata alla biodiversità, con un focus sulle specie animali e vegetali che abitano o hanno abitato la regione.

Un aspetto che rende il museo particolarmente attraente per le famiglie è la sua interattività. Ci sono molte installazioni interattive, dove i bambini (e gli adulti!) possono toccare, giocare e imparare in modo dinamico. Queste attività interattive sono progettate per stimolare la curiosità e l’apprendimento, rendendo la scienza accessibile e divertente.

Infine, il museo offre una serie di programmi educativi, workshop e eventi speciali tutto l’anno, ideali per completare l’esperienza educativa con attività pratiche e coinvolgenti. Che si tratti di partecipare a una caccia ai fossili o di assistere a una dimostrazione scientifica dal vivo, il Museo di Storia Naturale dello Utah è una destinazione che arricchirà la vostra conoscenza e lascerà un ricordo indelebile della vostra visita a Salt Lake City.

5. Vivint Smart Home Arena: Un’Esperienza Sportiva Emozionante per Tutti i Fan

La Vivint Smart Home Arena non è solo il fulcro degli eventi sportivi a Salt Lake City, ma è anche un’attrazione imperdibile per gli appassionati di sport. Come sede della famosa squadra NBA degli Utah Jazz, l’arena offre un’atmosfera elettrizzante che va vissuta almeno una volta.

Quando si visita la Vivint Smart Home Arena, è importante considerare alcuni aspetti pratici per godersi appieno l’esperienza. Se pianificate di assistere a una partita degli Utah Jazz, è consigliabile acquistare i biglietti con anticipo, dato che gli incontri tendono a esaurirsi rapidamente, soprattutto durante le partite più importanti della stagione. I biglietti possono essere acquistati online sul sito ufficiale dell’arena o attraverso rivenditori autorizzati.

Anche se non ci sono partite in programma durante la vostra visita, l’arena offre tour guidati che permettono di esplorare dietro le quinte. Questi tour includono accesso alle aree normalmente riservate ai giocatori e al personale, come gli spogliatoi e la sala stampa. È un’opportunità unica per sentire la storia e le storie legate a questo luogo simbolo dello sport americano.

Per quanto riguarda i trasporti, la Vivint Smart Home Arena è facilmente accessibile con i mezzi pubblici di Salt Lake City. Si trova vicino a varie fermate del TRAX, il sistema di trasporto leggero su rotaia della città, rendendola comoda da raggiungere senza l’uso dell’auto. Inoltre, per coloro che scelgono di guidare, ci sono molteplici opzioni di parcheggio disponibili nei dintorni dell’arena.

All’interno, troverete un’ampia gamma di servizi, tra cui punti ristoro dove gustare cibi e bevande tipici degli eventi sportivi americani. Dai classici hot dog e nachos a opzioni più salutari, c’è qualcosa per tutti i gusti. Inoltre, non dimenticate di visitare il negozio ufficiale per acquistare merchandising e ricordi degli Utah Jazz.

7. La Cucina Locale: Un Tuffo nei Sapori Americani

La Cucina Locale di Salt Lake City: Ristoranti con Vista e Opzioni Alcoliche

Dopo aver esplorato Salt Lake City, andate a scoprire i sapori locali. La città offre una varietà di ristoranti con viste mozzafiato, che spaziano dalla cucina tradizionale americana a interpretazioni moderne con un tocco locale. E, per quanto riguarda le bevande alcoliche, anche se Salt Lake City ha una forte eredità mormone, molti ristoranti offrono opzioni alcoliche, in linea con le normative statali.

1. The Roof Restaurant: Situato in cima al Joseph Smith Memorial Building, proprio di fronte a Temple Square, The Roof Restaurant offre una vista panoramica indimenticabile su Temple Square e il centro di Salt Lake City. È famoso per il suo buffet di alta qualità, che include sia piatti tradizionali americani sia internazionali. Sebbene non serva alcolici, l’esperienza culinaria e la vista sono ineguagliabili.

The Roof Restaurant Salt Lake City

2. The Garden Restaurant: Sempre nel Joseph Smith Memorial Building, ma un piano sotto The Roof, si trova The Garden Restaurant. Questo ristorante vanta un’atmosfera elegante con una vista suggestiva su Temple Square attraverso il suo soffitto di vetro. Anche qui, l’alcool non è disponibile, ma la loro selezione di bevande analcoliche e la qualità dei piatti compensano ampiamente.

3. Current Fish & Oyster: Per chi desidera un’opzione con alcolici, Current Fish & Oyster è un’eccellente scelta. Situato nel cuore del centro di Salt Lake City, questo ristorante offre una raffinata selezione di piatti di pesce e frutti di mare, accompagnati da una vasta lista di vini, birre e cocktail. La loro terrazza esterna offre una piacevole vista sulla vivace scena urbana.

4. Top of the World Restaurant at Snowbird: Se siete disposti a fare un breve viaggio fuori dalla città, il Top of the World Restaurant presso il Snowbird Ski Resort offre una vista mozzafiato sulle montagne Wasatch. Qui potete godervi piatti gourmet e una selezione di vini e birre, il tutto mentre vi godete il panorama montano dall’alto.

A Salt Lake City, ci sono diverse opzioni di alloggio che spaziano da hotel di lusso a strutture più economiche, tutti in grado di offrire un’esperienza confortevole e piacevole. Ecco una selezione di alcuni dei migliori hotel in città, tenendo conto di vari livelli di budget e preferenze:

Dove dormire a Salt Lake City

  1. Grand America Hotel: Questo hotel di lusso è rinomato per il suo servizio eccezionale e le sue camere spaziose ed eleganti. Offre anche un centro benessere, una piscina all’aperto e diverse opzioni di ristorazione in loco. La sua posizione centrale lo rende ideale per esplorare la città.
  2. The Little America Hotel: Fratello minore del Grand America, questo hotel offre un eccellente rapporto qualità-prezzo con camere confortevoli e un buon servizio. Ha una piscina interna ed esterna, un fitness center e diverse opzioni di ristorazione.
  3. Salt Lake Marriott Downtown at City Creek: Situato vicino a Temple Square e al centro commerciale City Creek, questo hotel Marriott offre comodità e qualità. Le camere sono moderne e ben arredate, e gli ospiti possono usufruire di una piscina interna e di un fitness center.
  4. Kimpton Hotel Monaco Salt Lake City: Questo boutique hotel si distingue per il suo design unico e il suo servizio personalizzato. Ospita un ristorante popolare in città, il Bambara, e offre una reception serale gratuita con vino.
  5. Hyatt Place Salt Lake City Downtown / The Gateway: Un’opzione eccellente per chi cerca un alloggio di qualità a prezzi ragionevoli. Si trova vicino all’area dello shopping e dell’intrattenimento The Gateway e offre camere spaziose e moderne.
  6. Hampton Inn Salt Lake City Downtown: Questo hotel offre un ottimo rapporto qualità-prezzo con colazione inclusa, Wi-Fi gratuito e una piscina interna. È una scelta solida per chi cerca un alloggio confortevole e conveniente.

Salt Lake City è una destinazione che offre molto più di quanto si possa immaginare a prima vista. In arrivo, in partenza o di passaggio durante un viaggio on the road, è una tappa piacevole dove trascorrere una giornata. Sulla vostra strada in un viaggio on the road che tocca Salt Lake city potreste visitare anche l’Arches National Park, il Bryce Canyon o lo Yellowstone National Park.
Cosa aspetti? Chiedici un preventivo per il tuo prossimo viaggio!

Acadia National Park, il paradiso naturale del New England

Acadia National Park

Acadia National Park, parco nazionale del Maine

L‘Acadia National Park è un parco nazionale situato nel Maine, nel nord-est degli Stati Uniti. È il più antico parco nazionale dell’est del paese e presenta una vasta gamma di paesaggi naturali, tra cui montagne, foreste, spiagge e scogliere.
Si estende per circa 14.000 ettari su Mount Desert Island, l’isola più grande dello stato, e su Isle au Haut, raggiungibile solo in traghetto.
Il parco offre paesaggi mozzafiato di laghi, fiumi, montagne, foreste, scogliere e fari, tipici del New England. La cittadina di Bar Harbor, affacciata sull’oceano Atlantico, è il punto di riferimento per visitare il parco e avvistare le balene che popolano le sue acque.

cartello d'ingresso acadia national park

Storia dell’Acadia National Park

L’Acadia National Park, situato nel Maine, è un luogo di grande importanza storica e culturale. Fondato l’8 luglio 1916 come Sieur de Monts National Monument, è stato rinominato nel 1929 come Acadia National Park, in riferimento a una regione antica della Grecia.
Questo parco è stato il primo ad essere istituito ad est del fiume Mississippi negli Stati Uniti. L’area del parco e i suoi dintorni sono stati abitati dagli indiani Wabanaki per almeno 12.000 anni. Dopo la rivoluzione americana, il confine tra gli Stati Uniti e il Canada è stato stabilito e le terre dei Wabanaki sono state suddivise in modo diverso. L’Abbe Museum a Bar Harbor è dedicato ai nativi del Maine ed offre un’ulteriore testimonianza della ricca storia di questa regione.

Quando andare all’Acadia National Park

foliage all'acadia national park

Il clima dell’Acadia National Park varia notevolmente durante l’anno, offrendo un’esperienza unica in ogni stagione. Durante l’estate, le temperature sono piacevolmente calde, rendendola la stagione più popolare per i visitatori. L’autunno attira molti visitatori con il suo spettacolare foliage, con i migliori momenti per apprezzare questo fenomeno che si verificano tra l’ultima settimana di settembre e la prima metà di ottobre. L’inverno offre un paesaggio innevato e tranquillo, mentre la primavera porta fiori in fiore e temperature più miti. Ricorda che alcune attività chiudono dopo il Columbus Day e riaprono con la bella stagione.
Stai pianificando una visita all’Acadia National Park e ti chiedi qual è il momento migliore per farlo? La risposta dipende da ciò che vuoi vedere. Se sei un amante del foliage, settembre è il mese ideale per te. Dovrai aspettare fino alla fine del mese per vedere i colori autunnali al loro apice. Se invece preferissi un clima più mite e meno affollamento, giugno potrebbe essere la scelta perfetta per te. In ogni caso, l’Acadia National Park offre bellezze naturali mozzafiato in ogni stagione, rendendo ogni visita un’esperienza indimenticabile.

Come raggiungere l’Acadia National Park

L’Acadia National Park, situato nel Maine, è facilmente raggiungibile da diverse città degli Stati Uniti. L’aeroporto internazionale Logan di Boston, il più grande della zona, offre voli diretti dall’Europa.
Altri aeroporti nelle vicinanze, per voli interni agli Stati Uniti, sono il Portland Jetport, l’aeroporto di Augusta e quello di Bangor.
Se viaggi in auto, puoi raggiungere il parco da Boston o Portland seguendo le indicazioni per l’I-95 N
Noleggiare un’auto all’aeroporto di Boston è semplicissimo. Puoi prenotare la tua auto anche qui.

Esplorare l’Acadia National Park: attrazioni principali

L’Acadia National Park, situato sull’isola di Mount Desert, offre una serie di panorami mozzafiato lungo i 43 chilometri della Park Loop Road. Questo percorso permette di ammirare la varietà di paesaggi del parco, tra cui montagne, coste, laghi, foreste e paludi. Il parco è prevalentemente coperto da boschi di conifere.
Le Carriage Roads, strade sterrate, offrono un’alternativa alla Park Loop Road per esplorare il parco a piedi, in bicicletta o in carrozza. Queste strade sono state ideate da Rockefeller Jr., un appassionato cavaliere che desiderava muoversi a cavallo lungo le strade dell’isola.
Tra i sentieri del parco, l’Ocean Path Trail è uno dei più suggestivi. Questo sentiero costiero, lungo circa 6.5 km, collega Sand Beach alle scogliere di Otter Cliff. Per gli amanti dell’arrampicata, il Precipice Trail offre una sfida impegnativa.
La Cadillac Mountain, con i suoi 466 metri di altezza, è il punto più alto della costa orientale degli Stati Uniti e offre una vista spettacolare all’alba.

Mount Cadillac

Bass Harbor Head Light, faro storico

Nel pittoresco villaggio di Bass Harbor, si trova un faro bianco costruito nel 1858. Questo faro cilindrico, realizzato in pietra e mattoni, si erge su un promontorio che si affaccia sull’oceano. Accanto al faro si trova una casa privata appartenente a un guardacoste. Il faro è ancora in funzione, ma non è aperto al pubblico per le visite interne. Si può però visitare esternamente e da lì godere di uno spettacolare tramonto.

Tramonto al faro di Bass Harbor


La Stazione del Faro di Bass Harbor si trova a Tremont, nel Maine, e segna l’ingresso a Bass Harbor e Blue Hill Bay nell’angolo sud-ovest di Mount Desert Island. Tra circa 80 fari in tutto il Maine, è uno dei tre fari gestiti dal Parco Nazionale di Acadia, compresi altri due su Baker Island e Bear Island. È stato inserito nel Registro Nazionale dei Luoghi Storici nel 1988.
Sull’isola di Mount Desert ci sono altri sei fari che rendono questa zona un vero paradiso per gli appassionati di fari.

Prima di partire per l’Acadia National Park: informazioni utili

L’apertura del parco varia a seconda della stagione e alcuni servizi e sentieri potrebbero non essere disponibili in inverno.
Il costo del biglietto d’ingresso al parco, valido per 7 giorni, è di 35$ per i veicoli non commerciali, 30$ per le motociclette e 20$ per i pedoni e i ciclisti. Per chi ha meno di 15 anni, l’ingresso è gratuito.
Tutti i veicoli devono esporre il pass in modo chiaramente visibile attraverso il parabrezza. I pass non sono trasferibili e il titolare del pass deve essere presente. È inoltre necessaria una prenotazione separata per i veicoli per guidare sulla Cadillac Summit Road da metà maggio a ottobre. Le prenotazioni per i veicoli sono vendute solo online in anticipo e non sono disponibili per l’acquisto al parco.

Il Visitor Center è aperto da maggio a ottobre. Durante il periodo di chiusura, è possibile rivolgersi al Bar Harbor Chamber of Commerce.
Infine, da settembre a ottobre, il parco si tinge dei colori autunnali durante il fenomeno del fall foliage ma non è semplice individuare il periodo migliore per vedere i colori più caldi perché ogni anno dipende dalle temperature.

Bar Harbor

Dove alloggiare all’Acadia National Park

Ivy Manor Inn: se siete amanti dei piccoli inn in stile questo è il vostro posto. L’Ivy Manor Inn è un’elegante locanda situata sulla Main Street nel villaggio di Bar Harbor. Costruita nel 1939 come residenza privata, è stata trasformata in una locanda nel 1996. Mantenendo il suo stile Tudor inglese, i proprietari hanno rinnovato l’interno aggiungendo terrazze, caminetti a mensola e parcheggio sulla strada.
The Bayview Hotel: se siete alla ricerca una esperienza più lussuosa con una fantastica vista sulla baia questo è l’hotel giusto.
Port Inn Bar Harbor, Ascend Hotel Collection: una buona struttura con un buon rapporto qualità prezzo e non troppo distante dal cento del paese.

Organizzare un viaggio all’Acadia National Park

Se stai pianificando un viaggio nel Maine e negli Stati Uniti, è importante organizzare il tuo viaggio con cura e in anticipo. Dovrai assicurarti che tutti i tuoi documenti siano validi, compreso l’ESTA, il modulo necessario per entrare negli Stati Uniti. Inoltre, dovrai pianificare in dettaglio il tuo itinerario di viaggio.
Prima di partire dall’Europa, ricorda di stipulare un’assicurazione sanitaria e una polizza di annullamento, nel caso in cui non fossi più in grado di partire per qualsiasi motivo.
Se desideri partire in tutta tranquillità e non sai da dove iniziare per creare il tuo itinerario, non esitare a contattarci compilando il modulo sul nostro sito. Saremo lieti di aiutarti a organizzare il viaggio dei tuoi sogni.

Monument Valley: esplorando le meraviglie della famosa riserva Navajo

monument valley

La Monument Valley è una delle destinazioni più iconiche e affascinanti degli Stati Uniti, si trova nella riserva Navajo al confine tra gli stati dell’Arizona e dello Utah. Questo luogo straordinario è rinomato per i suoi maestosi paesaggi desertici, caratterizzati da imponenti formazioni rocciose che emergono dal terreno sabbioso come opere d’arte naturali. La sua bellezza mozzafiato ha catturato l’immaginazione di viaggiatori, fotografi e cineasti di tutto il mondo.

La geologia della Monument Valley

Le formazioni rocciose della Monument Valley sono il risultato di millenni di erosione causata dal vento, dall’acqua e dalle forze geologiche. Gli elementi più riconoscibili sono le “buttes” e gli “spires“, ovvero sono imponenti torri di roccia rossa che si ergono fino al cielo. La più famosa è la “West Mitten Butte“, che somiglia a un enorme guanto. Altre formazioni importanti sono la “East Mitten Butte“, la “Totem Pole” e la “Rain God Mesa“. Questi massicci naturali sembrano provenire da un mondo fantastico, con le loro sagome scolpite dalla forza della natura.

monument valley

Come visitare la Monument Valley

Esplorando la Monument Valley avrai l’opportunità di vivere un’esperienza unica. Le guide Navajo presenti nel parco ti condurranno attraverso i punti salienti della regione, raccontandoti interessanti aneddoti sulla cultura, la storia e la geologia di questa terra. Se ami la fotografia e i paesaggi questa terra non ti deluderà, l’alba e il tramonto sono i momenti migliori per catturare la magia della Monument Valley. La luce dorata crea contrasti vividi tra le rocce rosse e il cielo azzurro intenso, creando una gamma di colori spettacolare.

Che esperienze fare all’interno della Monument Valley

All’interno della Monument Valley ci sono diverse cose che puoi fare per vivere al massimo questa esperienza, tra cui:

  • Affidarti a un tour guidato che ti permetterà di conoscere a fondo la storia e la cultura della Monument Valley. Le guide locali condividono racconti e leggende che aggiungono un livello di profondità alla visita.
  • Escursioni a piedi: alcune aree possono essere esplorate a piedi con guide autorizzate. Queste escursioni ti permettono di avvicinarti alle formazioni rocciose e di apprezzare i dettagli della loro struttura.
monument valley a cavallo
  • Esplorare la Monument Valley a cavallo attraverso il terreno accidentato, con quest’esperienza ti sentirai come i cowboys del passato.
  • Scoprire tutti i punti di vista panoramici, che sono tantissimi. John Ford Point è uno dei più famosi e offre un’ampia vista sulle formazioni rocciose.

Quando Visitare Monument Valley

La primavera e l’autunno sono considerate le migliori stagioni per visitare la Monument Valley. Le temperature sono più miti e il paesaggio è spesso in fiore o ricoperto di sfumature calde. Inoltre, il basso angolo del sole crea effetti di luce incredibili, ideali per la fotografia. Considera però, che anche l’estate e l’inverno offrono atmosfere uniche e possono essere buoni momenti per visitare questa, a seconda delle tue preferenze personali.

Dove dormire nella Monument Valley

Vediamo ora tre strutture consigliate in cui dormire nei dintorni della Monument Valley, in modo da essere comodi all’accesso nel parco.

DESERT ROSE RESORT & CABINS: una bellissima struttura 3 stelle situata a 40 minuti di auto dalla Monument Valley, con camere climatizzate. Alcuni cottage hanno anche una cucina attrezzata.

dormire nella monument valley

LA POSADA PINTADA: una locanda caratteristica situata a 72 km dalla Monument Valley, dal Parco Nazionale dei Natural Bridges e dal Four Corners, con colazione continentale inclusa.
HAMPTON INN KAYENTA: un hotel che si trova a 47 Km dalla Monument Valley e che ospita un ristorante in stile western e una piscina all’aperto. Perfetto anche per famiglie con bambini.

kayenta hotel

Organizzare un viaggio negli USA

Ci sono alcune cose indispensabili da sapere prima di partire alla scoperta dei parchi degli USA. Per prima cosa verifica la validità del tuo passaporto e fai l’ESTA, il modulo richiedibile online al costo di 15$ che ti permette di entrare negli Stati Uniti. Poi, sottoscrivi un’assicurazione sanitaria, indispensabile quando si organizza un viaggio intercontinentale, e una polizza annullamento che ti copre nel caso un imprevisto ti impedisse di partire. Infine, prenota il tuo volo aereo con largo anticipo, per riuscire a risparmiare qualcosa.

Se ami i grandi parchi americani scopri anche come visitare il Badlands National Park o parti alla scoperta del Yellowstone National Park.

Safari in Tanzania: cosa vedere e come organizzarlo

safari in tanzania

Un safari in Tanzania è un’esperienza incredibile che permette di immergersi nella natura selvaggia africana e scoprire alcuni dei paesaggi più spettacolari e la fauna più ricca del continente. In questo articolo scoprirai come si svolge un safari in Tanzania, cosa si vede e quali sono i migliori lodge in cui dormire.

Safari in Tanzania: cosa vedere

Cominciamo dal Parco Nazionale del Serengeti, uno dei parchi nazionali più famosi al mondo, famoso per le sue immense pianure, le migrazioni degli animali e la ricchezza della fauna selvatica. Durante il safari, con un po’ di fortuna avvisterai leoni, elefanti, gnu, zebre, giraffe, leopardi, iene e molti altri animali in libertà. Il momento clou è l’attraversamento del fiume Mara durante la grande migrazione degli gnu.

Parco Nazionale del Serengeti

Il Cratere del Ngorongoro è un’altra meraviglia di questa terra. L’enorme cratere vulcanico è un’attrazione unica, una caldera profonda con un diametro di circa 20 chilometri che ospita una straordinaria varietà di animali, inclusi i temibili “Big Five” (leoni, elefanti, bufali, leopardi e rinoceronti). Il paesaggio del cratere è spettacolare e le opportunità di avvistamento degli animali sono eccezionali. Nel nord della Tanzania troviamo il Parco Nazionale di Tarangire, famoso per la sua densità di elefanti. È un luogo affascinante in cui avvistare grandi branchi di elefanti, oltre a leoni, giraffe, zebre, bufali e molti altri animali. Il parco è caratterizzato da paesaggi di savana punteggiati da acacie maestose.

Cratere del Ngorongoro

Ma i Parchi Nazionale non sono finito, c’è ancora quello del Lago Manyara, dove troverai dalle foreste lussureggianti alle pianure aperte. Il lago è un paradiso per gli uccelli, con numerose specie che nidificano e migrano nella zona. Potresti anche avvistare elefanti, bufali, zebre, leoni e altri animali. Puoi anche fare un salto alla riserva di caccia di Selous: Situata nel sud della Tanzania. Selous è una delle riserve di caccia più grandi e remote dell’Africa. È famosa per la sua fauna selvatica, che include elefanti, rinoceronti neri, leoni, ghepardi, ippopotami e numerose specie di uccelli. Offre anche la possibilità di esplorare il fiume Rufiji in barca.

Selous

Durante il safari in Tanzania, ti accompagneranno delle guide esperte e autisti che conoscono bene l’area e ti aiuteranno a individuare la fauna selvatica. Avrai la possibilità di fare game drive in veicoli appositi, oppure optare per un safari a piedi o in mountain bike, o persino sorvolare in mongolfiera la savana.

comunità masai

Oltre all’avvistamento degli animali, potrai sperimentare la cultura locale interagendo con le comunità masai e imparando le loro tradizioni e gli stili di vita. Potrai alloggiare in lodge e campeggi di lusso situati in posizioni panoramiche, che offrono comfort e servizi di alta qualità.

Dove dormire durante un Safari in Tanzania

AFRICA SAFARI SOUTH SERENGETI NDUTU NGORONGORO: situato a Sinoni, questo lodge offre viste sul giardino, la connessione Wi-Fi gratuita e un parcheggio privato gratuito. Una bellissima tenda di lusso dove potrai gustare una colazione continentale.

Africa Safari South Serengeti Ndutu Ngorongoro

AFRICA SAFARI MAASAI BOMA: anche questa bellissima struttura si trova a Serengeti, ed ha in loco un ristorante e una reception aperta 24 ore su 24. Compresa anche la colazione a buffet o halal.
BAOBAB TENTED CAMP: un lussuoso campo tendato situato a Kwa Kuchinia, con vista sul fiume, un ristorante, il servizio in camera, un barbecue e una terrazza solarium. Ogni mattina potrai gustare una colazione continentale.

baobab camp

Prima di partire per un Safari in Tanzania

Organizzare un viaggio in Tanzania significa partire preparati, informarsi sui vaccini obbligatori da fare, preparare la valigia con cognizione di causa, inserendo un abbigliamento indicato ai posti che andrai a visitare, fermenti lattici e spray anti-insetti, che servono sempre, e stipulare le assicurazioni necessarie per stare tranquilli una volta in Africa. Non dimenticare di sottoscrivere una polizza annullamento, che ti protegge nel caso un imprevisto ti impedisse di partire, e un’assicurazione sanitaria completa. Prenota anche il volo aereo con largo anticipo per essere sicuri di accedere alla miglior tariffa disponibile.

Leggi anche:

Visitare il Badlands National Park in South Dakota

Visitare il Badlands National Park

Il Parco Nazionale delle Badlands è un parco molto affascinante situato nella parte occidentale del Dakota del Sud, negli Stati Uniti. È famoso per le sue incredibili formazioni geologiche, i canyons, e per la sua ricca storia paleontologica. Secondo noi bisogna visitare il Badlands National Park almeno una volta nella vita.

lasciativiaggiare

Cos’è il Badlands National Park?

Le Badlands sono state per molto tempo la patria del popolo Lakota, cacciato poi dall’arrivo dell’uomo bianco, come lo chiamavano loro. Queste terre, anche nominate “terre cattive”, sono caratterizzate da rocce sedimentarie stratificate, i cui colori variano dal bianco al rosa, all’arancione e al marrone. Le rocce che vedrai qui sono state scolpite da milioni di anni di erosione da parte di vento e acqua, creando paesaggi suggestivi e bizzarri. Il terreno è costellato da pinnacoli, canyon, creste affilate e profonde gole che offrono una vista mozzafiato.

Badlands

Si chiamano terre cattive a causa del loro clima non proprio ospitale. Qui infatti gli inverni sono molto freddi e ventosi e l’argilla di cui sono praticamente fatte le vallate, con la pioggia diventa scivolosa e difficoltosa da attraversare. Una terra inospitale anche a causa della presenza di troppi animali selvatici, pericolo per l’uomo e le sue attività.

Visitare il Badlands National Park: cosa vedere

Una delle attrazioni più popolari del parco è il Badlands Wall, una parete di roccia che si estende per circa 100 chilometri attraverso il parco. Stiamo parlando di una delle caratteristiche distintive delle Badlands da cui si gode di un panorama spettacolare. Puoi scegliere diversi sentieri escursionistici lungo il Badlands Wall per ammirare da vicino le formazioni geologiche e aprire lo sguardo sulla vasta distesa delle praterie circostanti.

Badlands wall

Il Parco Nazionale delle Badlands è anche un paradiso per i paleontologi. Qui sono stati scoperti molti resti fossili di mammiferi preistorici, tra cui quello del Tyrannosaurus Rex. Il parco ospita il Ben Reifel Visitor Center, dove potrai imparare la storia geologica e paleontologica delle Badlands attraverso mostre interattive molto interessanti.

Come si sono formate le Badlands?

Le Badlands si sono formate a causa di sedimenti marini depositati nel corso di milioni di anni. Circa 75 milioni di anni fa, l’area era coperta dal mare e i sedimenti marini che si sono accumulati sul fondo, nel corso del tempo, si sono compressi e solidificati formando le rocce sedimentarie che caratterizzano le Badlands.

Badlands national park

Prima della conquista degli europei, le tribù indigene che abitavano queste terre erano i Lakota Sioux e usavano le Badlands come zona di caccia o di transito durante gli spostamenti stagionali. Quando nel XIX secolo, i coloni europei iniziarono ad esplorare l’ovest degli Stati Uniti, queste terre furono attraversate dagli esploratori e il popolo nativo cacciato. Nel 1939, una parte delle Badlands fu proclamata monumento nazionale al fine di preservarne la bellezza naturale e i reperti fossili. Nel 1978 è nato il Parco Nazionale delle Badlands.

Le Tribù Sioux e il loro rapporto con le Badlands

Le tribù Sioux, in particolare i Lakota, sono tra le principali tribù indigene che hanno vissuto questi territori. Le Badlands sono sempre state considerate un luogo sacro e queste popolazioni avevano una profonda connessione spirituale con la terra e gli animali che vi vivevano. Il bisonte, cacciato nelle Badlands, era la loro fonte primaria di cibo, vestiti e materiali per costruire le abitazioni.

Lakota

Le Badlands appunto sono sempre state un luogo sacro per i nativi americani. Qui venivano condotti riti spirituali e cerimonie sacre. Oggi, i discendenti rimasti delle tribù Sioux continuano a mantenere vive le tradizioni culturali e spirituali delle Badlands collaborando con il parco stesso per promuovere la storia e la cultura dei nativi americani.

Visitare il Badlands National Park: come pianificare la visita

Se hai in mente di visitare il Badlands National Park sappi che è aperto tutto l’anno, ma alcune strade e servizi sono limitati durante i mesi invernali. Il periodo migliore per organizzare il tuo viaggio in questa zona è durante la primavera, l’estate o l’autunno per goderti le temperature più miti. Il Parco Nazionale ha diverse entrate, quella principale si trova vicino alla città di Interior, sul lato occidentale del parco. Devi acquistare un pass per entrare nel parco o utilizzare un pass annuale valido per tutti i parchi nazionali degli Stati Uniti se hai in mente di fare un viaggio più ampio.

badlands

Il parco permette di percorrere numerosi sentieri escursionistici che ti permettono di esplorare le bellezze delle Badlands. Ricorda di portare sempre con te dell’acqua, la protezione solare, un cappello e scarpe comode per le escursioni. All’interno del parco ci sono anche aree picnic, bagni, punti ristoro o per il campeggio. Non dimenticare anche un indumento più pesante, la sera non è raro avvertire importanti escursioni termiche.

Dove dormire alle Badlands

Puoi pernottare sia all’interno del parco che nelle sue vicinanze. Ecco alcune delle opzioni più comode:

BEST WESTERN PLAINS HOTEL: un bellissimo hotel situato nella cittadina di Wall, a 9 minuti di auto dal Minuteman Missile Historic Site, offre la connessione WiFi gratuita e piscine stagionali, entrambe riscaldate.

best western

BADLANDS BUDGET HOST: se cerchi una soluzione a conduzione familiare ed economica questo è quello che fa per te. Si trova ad Interior, offre la colazione ogni mattina e dispone di un parcheggio privato.
BADLANDS FRONTIER CABINS: altra struttura situata a Wall, a 3 stelle, con caratteristici chalet in legno accessoriati. Vicinissimo all’entrata del parco, dispone di Wifi, reception 24/24 e parcheggio.

bungalow

Prima di partire per il Badlands National Park

Prima di partire per il tuo viaggio on the road e visitare il Badlands National Park è bene sistemare alcune questioni burocratiche. Due cose sono importantissime quando si viaggia oltre oceano: l’assicurazione sanitaria e la polizza annullamento, utili nel caso un imprevisto ti impedisse di partire o se ti ammali negli Stati Uniti. Ricorda di prenotare il volo e le sistemazioni alberghiere con largo anticipo e di affittare una macchina per girare comodamente tra i parchi degli States.

cristina badlands

Se ti interessano i parchi degli Stati Uniti leggi anche:

Yellowstone National Park: guida al parco più antico degli USA
Cosa vedere in Montana tra natura e spazi incontaminati
Da Denver a Rapid City: itinerario on the road

Organizzare un viaggio di questo tipo non è una cosa semplice, se vuoi partire senza pensieri e dar vita al viaggio dei tuoi sogni, compila il form e contattaci. Penseremo a tutto noi!

Cosa vedere a Kyoto: dove mangiare, dove dormire e le esperienze da non perdere

cosa vedere a kyoto

Se stai leggendo questo articolo è perché probabilmente stavi cercando su Google “cosa vedere a Kyoto“, dopo Tokyo un’altra delle città più visitate del Giappone. Kyoto, con la sua ricca storia e cultura affascinante, è una meta imperdibile in questo paese. Questa affascinante città offre una varietà di esperienze uniche, oltre a una straordinaria cucina locale.

cosa vedere a kyoto

In questo articolo, esploreremo cosa vedere a Kyoto, i migliori posti dove mangiare, dove dormire e le esperienze che non dovresti assolutamente perdere durante la tua visita.

Cosa vedere a Kyoto

Cominciamo la nostra guida da cosa vedere a Kyoto, in modo che tu possa cominciare a dare forma al tuo itinerario. Comincia dal Tempio Kinkaku-ji (Pavilion d’oro), uno dei luoghi più iconici di Kyoto. Si tratta di un tempio buddista ricoperto di foglie d’oro che offre uno spettacolo mozzafiato. Secondo a questo c’è il Tempio Kiyomizu-dera, situato su una collina panoramica. È famoso per la sua piattaforma di legno senza chiodi.

Tempio Kiyomizu-dera

Uno dei quartieri più caratteristici di Kyoto è quello di Gion, noto per le sue strade acciottolate e per essere il luogo di incontro delle geisha. Esplora le antiche case da tè e assapora l’atmosfera incantevole prima di inoltrarti ad Arashiyama dove c’è una foresta di bambù e il famoso ponte di Togetsukyo.

gion kyoto

Dove mangiare a Kyoto

Se vuoi provare la vera cucina tradizionale di Kyoto e i piatti giapponesi, prova uno di questi due locali:
KAISEKI RYORI: si tratta di una tipologia di cucina sofisticata e artistica con portate gourmet che si ispirano ai pasti tradizionali giapponesi. Provala nei migliori ristoranti di Kyoto.

kaiseki ryori

NISHIKI MARKET: un affascinante mercato alimentare dove assaggiare una varietà di piatti locali, tra cui pesce fresco, dolci tradizionali e tè verde.
A Kyoto non puoi non assaggiare il Ramen, prendilo ad una delle bancarelle che trovi nei grandi mercati o in giro per la città, è la soluzione ideale per un pasto veloce e saporito.

Esperienze da non perdere a Kyoto

Per immergerti davvero nella cultura nipponica, inserisci all’interno del tuo itinerario di viaggio almeno una di queste esperienze tradizionali:
Cerimonia del tè: partecipa a una cerimonia del tè tradizionale giapponese per immergerti nella cultura e nelle tradizioni locali.

cerimonia del te

Indossa un kimono: affitta un kimono tradizionale e indossalo per esplorare Kyoto. Pioi così capire cosa si intende qui per look autentico.
Geisha Experience: prenota un’esperienza per entrare nel mondo delle geisha, con lezioni di danza tradizionale, cerimonie del tè e l’opportunità di interagire con le geisha stesse.
Escursione al Monte Fuji: se hai abbastanza tempo, considera di aggiungere a cosa vedere a Kyoto il Monte Fuji, la montagna sacra del Giappone. Da Kyoto, puoi raggiungere facilmente il monte per ammirare la sua maestosità.

kimono giappone

Dove dormire a Kyoto

Vediamo ora alcune sistemazioni in cui dormire a Kyoto, dalle soluzioni più tradizionali agli hotel di lusso in cui godersi comfort e relax

Kyoto Ryokan Kinoe: se vuoi fare un’esperienza tradizionale questo è il Ryokan che fa per te. Situato in centro a soli 5 minuti dal quartiere di Gion. In loco ci sono anche spettacoli di ogni tipo e un centro massaggi, e a colazione e cena puoi degustare piatti tradizionali.

dormire a kyoto

HOTEL RESOL TRINITY: un hotel a 4 stelle comodissimo e bellissimo, con interni di design e colazione inclusa nel centro di Kyoto. La reception è aperta 24 ore su 24 e in loco c’è anche un centro benessere.
THE GENERAL KYOTO: altro hotel a 4 stelle nel centro di Kyoto con colazione inclusa. Le camere sono molto spaziose e lo stile è tipicamente nipponico.

hotel kyoto

Prima di partire per Kyoto…

Prima di partire per Kyoto, trattandosi di un viaggio intercontinentale è bene sottoscrivere un’assicurazione sanitaria e una polizza annullamento, utili nel caso un imprevisto ti impedisse di partire o avessi bisogno di assistenza sanitaria in Giappone.

Il modo più veloce per raggiungere il Giappone, e Kyoto, è ovviamente l’aereo. Dall’Italia sono circa 18 ore di volo, con uno o più scali. Il consiglio è quello di organizzare un viaggio di almeno 10/15 giorni nel paese del Sol Levante in modo da toccare più città. Visita Tokyo prima o dopo Kyoto, e magari aggiungi anche una tappa a Osaka, in modo da ammortizzare tutte quelle ore di volo.

Leggi anche:

Se invece vuoi partire senza problemi con un itinerario creato su misura sulle tue esigenze, compila il form qui sotto e affidati a LasciatiViaggiare, penseremo a tutto noi!